Bettolle 37

Nella Piazza di Bettole sabato 29 maggio è stato presentato con molti ospiti e sportivi di tre generazioni il libro di Massimo Tavanti “BETTOLLE 37“.

Questa pubblicazione di oltre 200 pagine ripercorre 80 anni di sport bettolino dalla nascita ai giorni nostri. Si tratta di un condensato di ricordi, di testimonianze accompagnate da documentazione fotografica e giornalistica dell’epoca che narra delle origini dello sport locale inizialmente improntato sul ciclismo che ha visto grandi campioni, tesserati con la Polisportiva Tempora, come Bartali e Volpi e poi rivolto in gran parte al calcio che ha trovato nella Coppa Tempora in Notturna la sua massima espressione.

“Il torneo notturno – racconta Massimo Tavanti, l’autore, giornalista-pubbicista per passione – è nato come costola di questa passione sportiva 37 edizioni era diventato addirittura un fenomeno di successo. E andava al di la dell’aspetto puramente sportivo e che abbracciava anche il modo di vivere e il costume della società locale nei primi Anni 60 e che adunava giocatori di ottimo livello richiamati nella “conca verde” dello stadio per un evento calcistico estivo che rappresentava in quegli anni una grande novità anche a livello interprovinciale. Ma la cosa più straordinaria, in quel momento, era la grande partecipazione di pubblico attualmente paragonabile alle platee degli stadi delle serie professionistiche. Anche 5000 spettatori per le partite più importanti, dato sorprendente rispetto le gare dilettantistiche odierne con poche centinaia gli sportivi presenti.
Il libro ci fa capire meglio quel vissuto calcistico, divertente e colorito e tanto atteso ogni anno ancora nel ricordo di molti sportivi, giocatori, arbitri, dirigenti.

copertina

Prima o poi doveva succedere

E alla fine è successo… gli irpini dell’Air Avellino hanno interrotto la straordinaria serie di successi dei senesi della Mensana che si fermano a 18 vittorie consecutive. Straordinaria la prestazione di Green Marques che dall’alto dei suoi 165 centimetri ha segnato 17 punti con 8 assist. Una sconfitta quella dei senesi che non avrà ripercussioni sulla classifica ma che fa bene soprattutto al campionato.

Pontevecchio Approach Championship (Firenze)

Sotto la straordinaria cornice di Pontevecchio che ha visto protagonisti i più grandi campioni di golf provenienti dai cinque continenti.

_x5d0281.jpg

_x5d0199.jpg

_x5d0235s.jpg

_x5d0128-2.jpg

Lo svizzero André Bosset vincitore del Conte of Florence International Approach Championship edizione 2007 alza il trofeo appena vinto. Il campione, durante l’intervista prima della premiazione ha dichiarato: “l’anno scorso ero venuto per allenarmi e vincere quest’anno”.

Bernhrd Langer

_x5d0516.jpg

Sfortunata invece la campionessa italiana ed europea Diana Luna (ritratta nella foto sotto assieme al papa) unica rappresentante femminile e terza classificata è stata eliminata durante i play off a cinque contro Bossert, Damien McGrane, Robert Karlsson e Rich Beem. Nelle altre due foto successive il finalista l’inglese David Lynn e Diana Luna.

_x5d0187.jpg

_x5d0370s.jpg

Diana Luna

Nelle foto sotto, rispettivamente, il titolatissimo nonché Campione del mondo Bernhard Langer e l’ex vincitore del Pontevecchio Challenge lo spagnolo Ignacio Garrido.

Bernhard Langer

Ignacio Garrido

Nella foto sotto a sinistra il vincitore Bosset assieme a Romano Boretti, patron della Conte of Florence main sponsor del Pontevecchio Challenge. Nella foto a destra, invece, Bosset è ritratto assieme all’Assessore allo Sport del comune di Firenze Eugenio Giani e alla Coppa dei Campioni portata per l’occasione da Daniele Massaro per un giro di beneficenza natalizia.

_x5d0523.jpg

_x5d0548.jpg

Leggi tutto il resocondo della gara nell’articolo di Enrico Campana: “Vince il Vecchio Moschettiere” su www.Sportevai.it.