Audizione sul Documento di Economia e Finanza 2012

Governo dei tecnici? Ecco cosa ne pensa la Corte dei Conti. Di seguito un paio di passaggi.

L’urgenza del riequilibrio dei conti si è tradotta, pertanto, inevitabilmente nel ricorso al prelievo fiscale, forzando una pressione già fuori linea nel confronto europeo e generando le condizioni per ulteriori effetti recessivi indotti dalle stesse restrizioni di bilancio. Con un consistente depauperamento dei benefici attesi e con il rischio di ricorrenti ma non risolutivi adeguamenti dell’intensità delle manovre correttive.

Il pericolo di un corto circuito rigore/crescita non è dissipato nell’impianto del DEF 2012-2015, impegnato a definire il profilo di avvicinamento al pareggio di bilancio in un arco di tempo molto breve. La ristrettezza dei margini temporali, imposti dalle intese europee, complica infatti la realizzabilità di una strategia di politica economica nella quale si compongano le esigenze di riequilibrio del bilancio con quelle della ripresa economica, affidata alle riforme strutturali.

[…]

In altri termini, ancorchè obbligato, il pareggio di bilancio conseguito con queste modalità appare un equilibrio meno virtuoso. Con un alto livello di entrate e di spese pubbliche – oltre che con un’inflazione in rapida risalita – la compressione del reddito disponibile di famiglie e imprese non può che tradursi nella caduta della propensione al consumo e all’investimento.

Ecco il documento completo.

There is no try. Una valutazione del governo Monti | noiseFromAmeriKa

lista di province da eliminare per poi giungere al solito nulla di fatto? La manifesta pochezza e inettitudine di fronte a una situazione via via più drammatica alla fine poterono più dell’attaccamento alla poltrona, e portarono alle dimissioni del go

via There is no try. Una valutazione del governo Monti | noiseFromAmeriKa.

Su quali spalle pubbliche grava davvero il pareggio di bilancio. | noiseFromAmeriKa

attribuibile a quella manovra è pari a 21,430 miliardi

via Su quali spalle pubbliche grava davvero il pareggio di bilancio. | noiseFromAmeriKa.

Governo Italiano – Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Governo Italiano – Il Presidente del Consiglio dei Ministri.

Gli acquisti sono stati effettuati dalla signora Monti a proprie spese presso alcuni negozi siti in Piazza Santa Emerenziana (tortellini e dolce) e in via Cola di Rienzo (cotechino e lenticchie).

La cena è stata preparata e servita in tavola dalla signora Monti. Non vi è perciò stato alcun onere diretto o indiretto per spese di personale.

Il Presidente Monti non si sente tuttavia di escludere che, in relazione al numero relativamente elevato degli invitati (10 ospiti), possano esservi stati per l’Amministrazione di Palazzo Chigi oneri lievemente superiori a quelli abituali per quanto riguarda il consumo di energia elettrica, gas e acqua corrente.