Obama Presidente …

Vicino al’edicola:
-Per chj eri te?
-Pe’ Obama!
-Anch’io.
-Alora?, che dici de ‘sto presidente nero?
-M’emporta dimolto a me si è nero, bianco o giallo! basta che faccia per benino…
-Sembrerebbe ‘n tipo al verso, te che dici?
-A vedello così sì…
-‘N te fidi?
-Me sembra ‘n po’ troppo bravino, precisino… ‘N lo so… speriamo, via…
-Ma uno ‘n diventa mica presidente dei Stati Uniti così per caso eh…
-Per caso no, ma te ‘n te scordare ch’hano eletto du’ volte Buscie…
-Aposta! Ora ‘n saran mica così stupeti da…
-‘N c’è due senza tre…
-Madonna che menagramo che se’… O ‘nn’è ditto ch’eri pe’ Obama?!
-Sì, sì, per carità… E’ bello, ha ‘na voce tutta cavernosa…E’ giovane, elegante… A l’Americani gni potrebbe anche bastare…
-Eddai!
-Lo se’ anche chj me garba a me?
-Chj?
-La su’ moglie!
-E’ ‘n po’ forte de bazza, eh, ma anch’a me me piace; eppu’ me sembra vispa…
-Ce scommetterebbi che ‘n farà la bella statuina…
-No sicuro… Fan ‘na bella coppia, c’è poco da dire; comunque me sbagliaro… ma lu’ me sembra più fintino…
-A me me par che tu vada a cercare ‘l buio…
-Speriamo ‘n sia un de quelli che frega i vecchjni…
-Che vorrebbe dire?
-He’ visto queli che vano nele case, se presenton tutti vestiti bene e sorridenti, eppu’ spilleno i soldi ai vecchj soli?
-Ma te ‘n se’ mica normale… Ora sarà…
-Te ce scherzi! La gente pur de fasse eleggere farebbe de ‘gni cosa…
-E ‘n samo mica ‘nnItalia, eh!…

da Arezzonotizie