Basket: il derby di Bologna

Virtus Bologna Vs Gmac Fortitudo: le foto del match.


Merita più attenzione lo spettacolo del basket

Leggi

Basket: La Fortezza vs Fortitudo, il derby di Bologna

Guarda il fotoracconto.

007.jpg

Dan Peterson ricorda la figura del giornalista Enrico Campana

In un articolo uscito su basketnet.it, Dan Peterson – protagonista indiscusso del basket internazionale – fornisce un ritratto del giornalista e scrittore Enrico Campana, voce storica del basket e autore della prima (e unica) Enciclopedia del Basket pubblicata da Rizzoli in ben due edizioni (la prima di 400 pagine, la seconda di 1000 pagine in quattro volumi). Enrico è stato a lungo giornalista della Gazzetta dello Sport, direttore di Superbasket e protagonista del giornalismo sportivo a partire dagli anni ’70.

Conosco Enrico Campana da diverso tempo, il caso ha voluto che la passione per la buona cucina ci facesse incontrare nel ristorante dei miei genitori con i quali ha iniziato una collaborazione per la seconda edizione del suo libro “Suavis Locus“. Appena mi è arrivata notizia dell’articolo uscito su basketnet.it ho quindi sentito Enrico ed ho pensato che sarebbe interessante conoscere anche la sua opinione perchè – citando Dan Peterson – ci mancano gli articoli di Enrico sul basket ed il suo modo di scrivere che è un piacere leggere.

Nei prossimi giorni Enrico Campana sarà ad Agadir in Marocco per seguire il decennale del Gran Premio Royal Air Maroc, un importante evento di golf e per lavorare ad un reportage sullo sport e sul costume marocchino. Cio nonostante Enrico mi ha promesso che al suo rientro (tra sabato 2 e domenica 3 febbraio) risponderà personalmente a Dan Peterson su questo blog e c’è da aspettarsi un’altra delle sue “sparate”!

 
Links: Basketnet.it – Giganti del Basket: Enrico Campana

Buon Compleanno Andrea!

Ci sono tanti modi di festeggiare un compleanno, ma per i suoi primi 40 Andrea Luchi, brillante general manager del basket approdato alla Virtus Bologna, club storico del basket col primato di abbonati (5200), ha scelto Montecatini e l’aria di casa per festeggiare con gli amici, fra i quali il suo coach Stefano Pillastrini e anche amici venuti da tutta Italia conosciuti nelle sue varie esperienze, come lo speaker del basket di Messina.
In un basket che non sa fare un marketing e una comunicazione brillante, ha regalato ai suoi 50 invitati un elegantissimo present-book – roba da Prada e Gucci – contenente commenti, aforismi, ricordi, l’oroscopo di Angiolino Berti, e un cd con i grandi successi musicali nati sul ’68, l’anno di nascita e la foto di luchi a 6 anni.
Una semifinale scudetto con la Scavolini e una felice avventura europea, due promozioni, il pallino per la comunicazione, tanti grandi campioni scoperti negli Stati Uniti quando altre squadre riciclano giocatori di giro, da ultimo Lionel Chalmers che da Sassari è passato alla Benetton, Andrea è nato a Valdinievole ed è uno dei pochi toscani superstiti del basket di vertice. Ha cominciato come giornalista, e ha fatto le sue esperienze con lo Sporting Club Montecatini divenuto uno dei migliori club italiani di serie A ai tempi di Mario Boni e Andrea Niccolai.
Bandolo della Matassa pseudonimo di un noto giornalista-scrittore, per l’occasione gli ha dedicato un ritratto nel quale si dice di lui che vive l’eterno conflitto fra il suo segno di terra, il Capricorno, e uno sport sospeso in aria e dominato dalla sfericità e l’aleatorietà della palla, quale il basket. E che la chiamata alla virtus è più che un onore, è un’onorificienza per la storia del glorioso club della Dotta. E che se lo conosci, non lo eviti.

di Enrico Campana

Link: le foto dell’ultima partita di Eurolega della VidiVici vs Mensana tenutasi giovedì 17 gennatio al Palamalaguti (Bologna).

008.jpg

Prima o poi doveva succedere

E alla fine è successo… gli irpini dell’Air Avellino hanno interrotto la straordinaria serie di successi dei senesi della Mensana che si fermano a 18 vittorie consecutive. Straordinaria la prestazione di Green Marques che dall’alto dei suoi 165 centimetri ha segnato 17 punti con 8 assist. Una sconfitta quella dei senesi che non avrà ripercussioni sulla classifica ma che fa bene soprattutto al campionato.

Pontevecchio Approach Championship (Firenze)

Sotto la straordinaria cornice di Pontevecchio che ha visto protagonisti i più grandi campioni di golf provenienti dai cinque continenti.

_x5d0281.jpg

_x5d0199.jpg

_x5d0235s.jpg

_x5d0128-2.jpg

Lo svizzero André Bosset vincitore del Conte of Florence International Approach Championship edizione 2007 alza il trofeo appena vinto. Il campione, durante l’intervista prima della premiazione ha dichiarato: “l’anno scorso ero venuto per allenarmi e vincere quest’anno”.

Bernhrd Langer

_x5d0516.jpg

Sfortunata invece la campionessa italiana ed europea Diana Luna (ritratta nella foto sotto assieme al papa) unica rappresentante femminile e terza classificata è stata eliminata durante i play off a cinque contro Bossert, Damien McGrane, Robert Karlsson e Rich Beem. Nelle altre due foto successive il finalista l’inglese David Lynn e Diana Luna.

_x5d0187.jpg

_x5d0370s.jpg

Diana Luna

Nelle foto sotto, rispettivamente, il titolatissimo nonché Campione del mondo Bernhard Langer e l’ex vincitore del Pontevecchio Challenge lo spagnolo Ignacio Garrido.

Bernhard Langer

Ignacio Garrido

Nella foto sotto a sinistra il vincitore Bosset assieme a Romano Boretti, patron della Conte of Florence main sponsor del Pontevecchio Challenge. Nella foto a destra, invece, Bosset è ritratto assieme all’Assessore allo Sport del comune di Firenze Eugenio Giani e alla Coppa dei Campioni portata per l’occasione da Daniele Massaro per un giro di beneficenza natalizia.

_x5d0523.jpg

_x5d0548.jpg

Leggi tutto il resocondo della gara nell’articolo di Enrico Campana: “Vince il Vecchio Moschettiere” su www.Sportevai.it.