Bocconcini di Tonno alle erbette con mostarda di cedro

Angiolino presenta questo accostamento in diretta su Italia 7. Alla trasmissione presente anche Massimo Tavanti per parlare del Palio della Rivalsa di Bettolle ed il giornalista Enrico Campana che ha raccontato alcuni aneddoti su Giuseppe Garibaldi.

[flashvideo filename=http://www.micheleberti.it/mbb/videos/video003.mp4 /] 

Angiolino in diretta su Italia 7 Gold

Il 23 gennaio 2008 Angiolino Berti è stato ospite di Claudio Sottili nella trasmissione “”Aspettando il TG”, in onda tutti i pomeriggi su Italia 7 Gold. Nell’occasione Angiolino ha presentato in diretta la sua produzione artigianale di marmellate e confetture. Ecco il video: 

[flashvideo filename=http://www.micheleberti.it/mbb/videos/video001.mp4 /] 

Marmellata da Guiness per Garibaldi

Proprio mentre stava presentando la sua ultima “creazione” ribattezzata “Il segreto di Garibaldi”, alle 18.01 del 19 marzo il Guinness World Record ha comunicato di aver avviato la procedura per l’omologazione del primato di Angiolino Berti.

La segnalazione partì dal programma televisivo “Aspettando il Tg” di Italia7 Gold nel corso del quale il conduttore, Claudio Sottili, definì lo chef del Teatro del Gusto di Bettolle il campione del mondo delle marmellate per aver elaborato nel giro di un solo anno oltre 100 prodotti della natura: frutti, ortaggi, piante del bosco e da ultimo anche fiori simbolici come la rosa, la mimosa e i petali della violetta. E senza usare addensanti, conservanti e col rispetto rigoroso di ogni norma in materia che permettono alle sue marmellate artistico-artigianali una conservazione di almeno 3 anni.

Col 2008 il Berti, studioso della cucina e conosciuto per le ricerca del cibo e l’affinamento dei piatti tradizionali toscani, come il filetto di cinta senese, è riuscito a trovare nuovi spunti grazie anche alla collaborazione con un’agenzia di comunicazione; sono così nate marmellate dedicate a San Valentino, alla Festa della Donna, del Papà e della Mamma con etichette originali e a volte “poetiche”.

confettura-il-segreto-di-garibaldi.jpg

Ma il filone ha trovato adesso anche uno spunto storico. Da una novella toscana ispirata all’arresto di Garibaldi a Sinalunga il 23 settembre del 1867 in cui si rievoca con ironia l’infausta cena in suo onore, Angiolino Berti ha tratto la sua confettura n.119, a base di barbabietola e finocchio napoletano. Astemio e morigerato a tavola, l’Eroe dei Due Mondi ricorreva a questa “pappetta” rossastra e lievemente dolce per ritrovare la carica essendo già il suo fisico provato dai reumatismi. Da qui “Il segreto di Garibaldi” effigiato sull’etichetta col suo famoso cammeo.