Bruce Gilden

Blog — Domenico Pescosolido Photography

Blog — Domenico Pescosolido Photography.

Michele Berti è un amico ed un fotografo toscano che incontrai per la prima volta diversi anni fa, mi colpirono i suoi paesaggi senesi ricchi di colori e di forme, dove una tecnica fotografica rigorosa si univano ad una ricerca personale, col tempo ho avuto modo di apprezzare anche altri lavori ed oggi posso dire che l’opera di Michele è per me sempre fonte di ammirazione e stupore.

Oggi ho voluto approfondire la sua idea di Fotografia rivolgendogli 10 domande.

1) Michele, iniziamo dalle origini, come hai incontrato la Fotografia?

Come spesso accade è stato grazie a mio padre. Il babbo portava sempre con se una macchina fotografica. Inizialmente non ho mai dato troppa importanza a questa sua passione ma con il passare degli anni le macchine fotografiche che passavano per casa erano sempre di più e forse è stato quello il momento in cui ho iniziato a prendere coscienza che doveva trattarsi di qualcosa di interessante. Molta della sua attrezzatura oggi la uso io con grande soddisfazione.

2) Cosa rappresenta la Fotografia per te?

© Michele Berti
Un mezzo per esprimermi . Ma non solo. Non si fotografa mai quello che si vede ma quello che siamo e per questo motivo le nostre fotografie finiscono sempre per mostrare qualcosa di noi da cui possiamo imparare molto per conoscerci meglio.

3) Nei tuoi lavori abbiamo visto l’alternarsi di molti generi dalla fotografia di paesaggio al reportage al ritratto e di molte tecniche (colore, BN), sembrerebbe che ti trovi a tuo agio con i più disparati generi, come ti relazioni di fronte a situazioni fotografiche diverse?

Mi piace sperimentare sempre cose diverse. Mi reputo una persona curiosa e per questo motivo avverto un bisogno continuo di cercare sempre qualcosa di nuovo. Ci sono naturalmente alcuni temi che ricorrono più di altri e questo è dovuto ai miei contesti di riferimento. Ad esempio per motivi personali mi trovo spesso a frequentare la campagna toscana, in particolare le Crete Senesi la Val d’Orcia, e questo mi offre occasioni talvolta irripetibili per interpretare questa terra.

4) “Paesaggio tra ideale e reale” e “Meta-spiaggia” sono il titolo di due tue mostre dove una visione personale supera il reale…

“Paesaggio tra ideale e reale” è una sintesi del mio modo di esprimermi attraverso il territorio dove sono nato e cresciuto. Questa mostra propone una selezione di fotografie che ho scattato più o meno negli ultimi dieci anni durante i quali ho sempre cercato di offrire una visione diversa rispetto alla rappresentazione classica del paesaggio toscano che tipicamente viene proposta, ho cercato di stare attento a non cadere nella trappola di fotografare le fotografie … che con il paesaggio toscano è sempre in agguato. Con “Meta Spiaggia”, invece, ho provato a rompere gli schemi per porre l’attenzione su certi comportamenti stereotipati attraverso l’uso della ripetizione e della manipolazione di situazioni apparentemente “reali” create però ex-novo prendendo a prestito dalla realtà soltanto alcuni elementi raccolti in momenti diversi e poi decontestualizzati rispetto alla situazione in cui si trovavano originariamente.

5) Cosa ti ha guidato nella realizzazione dei tuoi ultimi lavori come ad esempio “io creativo”?

Nasce da una constatazione. Il territorio che ricomprende le province di Arezzo e Siena è un vero laboratorio nel quale trovano fonte d’ispirazione artistica tantissimi creativi, molti anche stranieri che scelgono proprio queste terre come luogo ideale dove sviluppare le loro idee. Ho quindi iniziato questo progetto a lungo termine attraverso il quale mi sono proposto di ritrarre il creativo nel suo ambiente di lavoro con l’idea di provare a fare emergere appunto l’”Io Creativo” che è in ciascuno di loro e magari cercare spunti per capire se quella creatività si relaziona in qualche modo con il territorio ed eventualmente se c’è una chiave di lettura che li unisce in qualche modo gli uni agli altri. Allo stesso tempo trovo che sia un progetto molto utile perché mi consente di entrare in contatto con tanti artisti, più o meno affermati e di estrazione molto eterogenea, da cui un giorno magari – grazie alla contaminazione tra stili e modi di espressione diversi – potrei trovare ispirazione per qualche nuovo progetto fotografico.

6) La fotografia analogica e digitale: qual è il tuo rapporto con loro?

© Michele Berti
Questo tema non mi appassiona. Non credo che esista una fotografia analogica e una fotografia digitale. Per me esiste solo la fotografia e questa non può che essere il prodotto finito che trova compimento solo e soltanto nella stampa. Per questo motivo ricorro senza pregiudizi sia alla pellicola che al pixel, piegando egoisticamente alle mie necessità i pro e i contro dell’una o dell’altra.

7) Il processo di stampa delle fotografie spesso lo curi da solo, lo ritieni parte integrante del lavoro?

Non esiste fotografia senza la stampa. Mi piace pensare alla fotografia come ad un processo fatto di tanti ingredienti che il fotografo deve dosare in modo appropriato con l’obiettivo di ottenere una buona stampa. Conoscere a fondo il processo che porta alla stampa ti permette di intervenire in tutte le fasi del processo creativo per “piegarlo” ai tuoi bisogni espressivi. È sempre stato così e sempre lo sarà.

8) La foto che avresti voluto scattare e non hai scattato

Quella che devo ancora trovare. In fotografia – ma più in generale questo è vero per qualunque forma di espressione artistica – non conta tanto quello che si vorrebbe fare ma quello che si è fatto … a riguardo mi viene in mente una citazione di Picasso che usava dire “Io non cerco, trovo”.

9) …e la foto che volevi scattare ed hai scattato

L’ultima che ho trovato!

10) Progetti nel cassetto?

Molti e sono tutti segnati nel mio block notes. Uno è già a buon punto, una progetto spassoso, oserei dire “Happy … ”. Gli altri spero di poterci lavorare presto.

Ringrazio Michele per la sua disponibilità e non resta che attendere i suoi prossimi lavori e ricordare i suoi riferimenti:

Web: www.micheleberti.it

Facebook: www.facebook.com/MicheleBertiPhotography

Giostra del Saracino (Arezzo)



Giostra del Saracino (Arezzo), originally uploaded by Michele Berti.

Crete Senesi (2013)



Crete Senesi (2013), originally uploaded by Michele Berti.

Giorno Stellato (2013)



Giorno Stellato (2013), originally uploaded by Michele Berti.

Michele Berti Photography – Razza Chianina

Michele Berti Photography – Razza Chianina.

Richard Kalvar

Il ruolo del fotografo consiste nell’invadere la vita degli altri, nel servirsi degli altri. Un fotografo è un voyeur e il voyerismo esercitato senza il consenso del partner è un po’ come una violenza. Per fare bene il proprio mestiere, un fotografo deve dimenticare questo; la violenza deve perdere di importanza.

Se siete timidi al momento di agire, non potete scattare le vostre fotografie. E’ come l’amore. Bisogna essere molto appassionati per superare questo primo blocco. Tutto qui.

Quando vedo delle persone felici, mi rifiuto di fotografarle. Perché la felicità è qualcosa di bello e io non voglio entrare in tale bellezza per distruggerla. In quei casi, mi sento anch’io felice, in modo molto semplice, naturale. a volte ho il complesso di occuparmi solo di cose tristi.

E’ vero che esiste qualcosa di sessuale nell’atto del fotografare. Io faccio tutto senza limiti, mi immergo nell’acqua della vita. E’ sufficiente fare il primo gesto; quando funziona, si sa come seguire le cose. Ma l’inizio non è semplice. Quando fotografo per mio esclusivo piacere, uso un obbiettivo 35 mm. Perché non ha bisogno di nessuna inquadratura complicata da fare. Bisogna essere molto vicini al soggetto per comporre le proprie fotografie.
Bisogna essere un cacciatore e un attore. E’ difficile ma quando ci riuscite, vi riscalda il cuore.